Archivio annuale 11 Aprile 2022

DiSamuel

Intervento al seno: ecco gli indumenti da acquistare

Se hai scelto di migliorare il tuo aspetto fisico con un intervento di mastoplastica, in questo breve focus verranno chiariti alcuni dubbi sui vestiti e la biancheria da indossare subito dopo l’intervento. Per circa un mese, infatti, dovrai cercare di prenderti cura del tuo corpo, attraverso uno stile di vita più rilassato, molto riposo e limitata attività fisica. Ciò ti permetterà di riprendere al più presto la tua normale vita ricca di impegni, sfoggiando nuove forme e un fisico splendido. Devi imparare a mettere il tuo benessere al centro dei tuoi pensieri, esattamente come consiglia l’azienda Motiva, leader nel settore della produzione di protesi in silicone di ultima generazione.

Il reggiseno

Dopo l’operazione, sarà il chirurgo a posizionare una fascia elastica che avrà il compito di tenere le protesi al loro posto. Successivamente, a seconda della taglia scelta, verrà proposto – sempre dal medico – il reggiseno più adatto da indossare. Ricorda che, se deciderai di utilizzare protesi in silicone di Motiva, potrai scegliere anche la forma del seno. L’azienda produce infatti protesi rotonde, “a goccia” e anatomiche.

Il segreto: abiti comodi

Almeno per le prime settimane dopo l’operazione, non usare abiti aderenti o tessuti sintetici. Prediligi i maglioni morbidi, magari colorati, e le felpe con la zip. Anche i pantaloni e le gonne non dovrebbero stringere la vita. Avrai tutto il tempo, poi, di indossare abiti aderentissimi e scollati per goderti le tue nuove forme!

Attenzione alle scarpe

Un dettaglio da non trascurare è quello delle calzature. Dato che per i primi tempi potrebbe essere scomodo piegarti, indossa scarpe senza lacci e che puoi infilarti anche senza abbassarti. Sono piccoli dettagli, che diventano fondamentali per poter intraprendere con serenità un percorso di completa guarigione. Gli interventi di chirurgia estetica sono molto sicuri, ma devi comunque darti del tempo per riprenderti completamente.

DiSamuel

Vestire alla moda (con un piccolo budget)

Vestire con classe, gusto ed eleganza, non è necessariamente una questione di spesa. Questo focus è dedicato a consigli mirati per essere sempre trendy, con un minimo di investimento.

Le offerte online

Il momento migliore per acquistare un capo a un prezzo accessibile è attendere la fine della stagione, così come accade per i tradizionali negozi. Ci sono anche siti che propongono offerte per i clienti fidelizzati.

Un “mix” perfetto

Quando decidete un outfit, si possono valorizzare anche capi molto semplici con l’aggiunta di un accessorio elegante, come un foulard o un gioiello. Anche un paio di jeans con una t-shirt da pochi euro potranno sembrare usciti da una boutique abbinandoli a un blazer blu. Il segreto è quello di far sì che sia il capo di qualità a dare carattere al resto della mise.

I vestiti usati

Gli indumenti usati si trovano sia nei mercatini che in negozi specifici. Si possono trovare giacche, borse, cinte e persino stivali in buono stato, ad una frazione del costo che questi capi avrebbero in una boutique.

Lo scambio

Vestiti da sera, soprabiti e accessori quasi nuovi, ma che per qualche motivo si decide di non indossare più, possono essere un’ottima “merce di scambio” su siti come Swapclub o Bimbi Scambiano.

DiSamuel

Come fare la spesa e risparmiare

Quando si fanno i rifornimenti per la settimana al supermercato, è facile ritrovarsi con il carrello pieno. Ciò accade per la fretta, i desideri del momento e la convinzione che la quantità di articoli sia direttamente proporzionale al numero dei pasti che si potranno preparare. In realtà, senza le giuste strategie, l’unico risultato sicuro sarà il conto salato da pagare in cassa.

Bisogna quindi munirsi di un po’ di pazienza e, soprattutto, di consapevolezza, ovvero comprendere le motivazioni delle proprie scelte e, se necessario, riuscire a intraprendere i passi necessari verso il cambiamento.

La spesa settimanale

Anziché procedere a caso, meglio compilare una lista della spesa quanto più dettagliata possibile. Per farlo, bisogna decidere – anche se non in modo del tutto rigoroso – il menu della settimana. Non basta infatti comprare i singoli ingredienti: è opportuno capire come accoppiarli per creare pasti bilanciati e non incorrere in sprechi.

Se non si ha molta fantasia, basterà farsi ispirare da siti web come Il Giornale del Cibo, che offrono spunti interessanti anche per chi ha esigenze alimentari particolari, come vegetariani o vegani.

Conservare e congelare

Il passo successivo è quello di una corretta conservazione degli alimenti nel frigorifero o in dispensa. Per quanto riguarda il congelatore, meglio prima dividere il cibo in porzioni e dedicare ciascun cassetto a una tipologia diversa di alimenti.

Pane e olio

La macchina del pane permette, con un piccolo investimento iniziale, di preparare gustosi filoni (anche con farine alternative) per poter gustare il pane fresco tutti i giorni. Se ci si reca in campagna per una gita, si può cogliere l’occasione per una visita presso un frantoio, dove spesso di trova olio di ottima qualità a un buon prezzo.

DiSamuel

Regali di matrimonio

Ricordate il divertente monologo di Enrico Brignano, che racconta il mix di emozioni (non sempre positive) all’arrivo di una partecipazione di nozze? Se il giorno del “fatidico sì” è stressante per gli sposi, lo è in parte anche per gli invitati che, per prima cosa, si trovano a dover decidere il regalo migliore per la coppia. Niente paura: è più semplice di quanto sembra.

La lista di nozze

La maggior parte delle partecipazioni di nozze include anche l’indicazione sul negozio dove recarsi per acquistare il regalo, selezionandolo da una lista. Se non volete spendere una fortuna e desiderate comunque avere possibilità di un’ampia scelta, il consiglio è quello di… muoversi in fretta!

Il viaggio di nozze

Se una coppia che si sposa già convive da diversi anni, potrebbe chiedere agli invitati un contributo per il viaggio di nozze. Si tratta di una pratica sempre più diffusa e che regala agli sposi un’esperienza davvero indimenticabile.

La “busta” e gli oggetti di design

Se non ricevete indicazioni specifiche sul regalo avete due possibilità. Se esiste un grado di parentela molto stretto, potreste optare per una busta contenente denaro. Altrimenti, scegliete un oggetto di arredo di valore, meglio se non molto grande e utilizzabile in vari ambienti della casa, come una preziosa fioriera o un portagioie decorativo.

DiSamuel

Regali e ricorrenze

Quando si fa un regalo, si vuole esprimere il proprio affetto alla persona che lo riceve. In questo breve focus, troverete qualche consiglio per essere sicuri di fare un dono gradito, a prescindere dal suo valore.

Il regalo di compleanno

Per fare una sorpresa ad un amico speciale, oppure a un familiare stretto, anziché un regalo solo, potreste optare per una busta o un sacchetto contenente vari oggetti. Alcuni possono essere anche di costo molto basso, ma l’importante è che rappresentino qualcosa di relativo al vostro legame. Vi sarà anche un “presente” principale, che acquisterete sperando di esaudire un desiderio della persona a voi cara.

Cosa regalare agli anniversari

Gli anniversari di matrimonio sono un momento speciale per le coppie. Celebrare questa data importante sarà ancora più romantico se si deciderà di attenersi alla tradizione e regalare l’oggetto fatto di un materiale tradizionalmente legato al numero di anni in cui si è stati sposati.

Regali di Natale

Questa festa può essere l’occasione giusta per acquistare oggetti o indumenti prodotti attraverso processi ecosostenibili o produzioni eque e solidali. Anche se il loro costo è leggermente superiore alla versione low cost, sarà un dono gradito non solo a chi lo riceve, ma che offrirà un sostegno concreto anche a chi l’ha realizzato.

DiSamuel

Mercati rionali

I mercati rionali sono un vero e proprio patrimonio delle città italiane. Con i loro negozi, la varietà di prodotti, la tradizione che li caratterizza, contribuiscono all’identità di un quartiere, così come ancora di intere città. Proprio per questo sono una realtà da difendere, conservare e, se possibile, sostenere, sia da parte delle autorità che dei cittadini/acquirenti.

Le recenti difficoltà dei mercati

Le misure di sicurezza contro il Covid non hanno solo penalizzato il settore della ristorazione, ma hanno provocato anche la chiusura dei mercati, con conseguenze devastanti su un tipo di modello di business così delicato. Tutte le strutture coinvolte ne hanno risentito pesantemente, in alcuni casi con effetti a lungo termine che è ancora presto per quantificare.

Un’iniziativa solidale

Nonostante i mercati siano stati così pesantemente colpiti, non sono mancate iniziative di solidarietà che hanno dimostrato ancora una volta la grande passione e completa dedizione con cui svolgono il loro lavoro gli esercenti.

A Roma e in altre città italiane, in piena pandemia, è stata indetta la spesa sospesa: un modo per stare vicino a chi è più in difficoltà. I clienti potevano comprare alimenti e altri prodotti, che poi venivano lasciati all’esercente. La direzione del mercato si occupava di raccogliere la merce e distribuirla alle persone bisognose.

I mercati rionali più famosi

Tra i mercati che sono più legati alla storia delle principali città, troviamo il mercato di Ballarò a Palermo, con le sue bancarelle piene di colori e alcune delle specialità di cibo di strada più succulente al mondo. A Roma, il mercato di Campo de’ Fiori è giustamente inserito negli itinerari turistici: è un vero tuffo nel passato, complice anche la splendida cornice architettonica. Nel mercato di Porta Nolana, a Napoli, oltre al pesce freschissimo in tantissime diverse varietà, è possibile gustare le specialità tipiche del capoluogo partenopeo.

DiSamuel

I centri commerciali più grandi al mondo

Per gli amanti dello shopping, i centri commerciali sono il luogo perfetto per poter visionare e eventualmente acquistare una grande quantità e varietà di articoli. Si tratta di strutture che sono concepite per trascorrere giornate intere passeggiando davanti alle vetrine e curiosando nei molteplici negozi. Proprio per questo, questi centri sono provvisti di una o più aree dedicate alla ristorazione e, molto spesso, anche di zone dove si tengono spettacoli, oppure di cinema multisala.

In Asia sono stati costruiti alcuni dei centri commerciali più grandi del pianeta, che accolgono un numero gigantesco di visitatori ogni anno.

Central World – Thailandia

Questo enorme centro commerciale si estende per ben 8 piani sul suolo della capitale Bangkok. I prezzi accessibili e l’incredibile varietà dei prodotti esposti ne fanno un mall di incredibile successo, sia tra i turisti che tra la popolazione locale.

New South China Mall

Un’opera a dir poco ciclopica, costruita su oltre mezzo milione di chilometri quadrati a Dongguan, ma che non ha avuto il successo sperato. Resta, comunque, il centro commerciale più grande del mondo, almeno per estensione.

SM Mall of Asia – Filippine

Un vero paradiso per gli amanti del cinema, ha al suo interno un enorme schermo in 3D, considerato fra i più grandi esistenti. Gli edifici di cui è composto sono ben quattro, e per spostarsi si usa un trenino che permette ai visitatori di accedere alle varie sezioni senza dover percorrere lunghe distanze a piedi.

Dubai Mall

Non solo un centro commerciale: quello di Dubai è praticamente una città dedicata allo shopping e al tempo libero. Oltre a più di mille negozi, vanta anche un albergo, più di cento ristoranti e decine di sale cinematografiche.

Le mete dello shopping in Italia

Anche se in scala ridotta rispetto alla grandezza delle proposte asiatiche, anche in Italia esistono rinomati centri commerciali, spesso meta di turisti alla ricerca della qualità e del design Made in Italy.

Il Centro Commerciale Campania si trova a Caserta. Per chi è in visita dal queste parti, può essere un’idea, dopo aver visitato la famosa reggia, varcare la soglia di una delle più imponenti destinazioni per gli acquisti in Italia. Forte di circa 200 negozi, cinema, un’ampia programmazione di spettacoli e naturalmente un’offerta enogastronomica di alto livello, il Campania assicura ore di soddisfacente shopping-terapia.

La Galleria Commerciale di Porta di Roma ha praticamente ridefinito il profilo della periferia nord-est della Capitale. Anche qui i negozi sono circa 200 e sono presenti numerosi ristoranti e zone ricreative. I concerti che vengono organizzati sul palco all’aperto sono sempre di grande successo.

DiSamuel

Lo shopping online

Se gli acquisti online hanno subito una crescita esponenziale in tutto il mondo, è perché sono di indiscutibile vantaggio sia per chi produce beni o eroga un servizio, sia per il cliente finale. Non è necessario spostarsi da casa, si ha a disposizione un catalogo praticamente infinito e i pagamenti sono immediati.

Dal punto di vista di chi produce e distribuisce merce, è possibile risparmiare sulle sedi fisiche dei negozi e sul personale, anche se si dovranno investire importanti risorse nella pubblicità. In ogni caso, per dirla in termini di marketing, è una soluzione win-win, dove ogni entità coinvolta ha il suo vantaggio e, proprio per questo, ha così tanto successo.

Non solo Amazon

Se il monopolio del colosso di Bezos è (almeno al momento) ancora evidente, ci sono anche altre realtà che si sono imposte nel competitivo universo degli acquisti online. Per l’immenso mercato orientale, infatti, il nome di riferimento è quello di AliExpress, un enorme portale che comprende un numero incredibile di negozi. Tra gli altri e-commerce che godono di alta reputazione e un gran numero di clienti, troviamo anche eBay e Zalando. In Italia, hanno un fatturato in continua crescita anche Booking.com e Subito.it.

Articoli e servizi più convenienti

Dai viaggi all’elettronica di consumo, dagli articoli per la casa ai software: in rete è possibile trovare di tutto. Confrontando i prezzi, o accedendo alle offerte speciali, gli acquisti vengono spesso effettuati a un costo concorrenziale.

La moda online

Anche un settore come quello della moda si è organizzato per offrire un’esperienza d’acquisto soddisfacente. Con Zalando, ad esempio, è possibile ricevere un capo di abbigliamento o un paio di scarpe, provarli e, nel caso non fossero della misura giusta, rispedirli allo store senza incorrere in spese aggiuntive.

Pagamenti e sicurezza

Una delle maggiori preoccupazioni degli utenti è l’efficacia della protezione dei dati sensibili, come informazioni personali e numeri di carte di credito. I grandi colossi, così come anche molti siti più “di nicchia”, hanno implementato transazioni protette da una crittografia che non permette ad eventuali hacker di carpire le informazioni inserite.

Attenzione alle truffe!

Se, nonostante si siano messi in campo tutti gli accorgimenti necessari, si pensa di essere stati vittima di una truffa, ci si può rivolgere all’Unione Consumatori. Sul loro sito web si trovano interessanti informazioni sia sulla tutela che sui diritti di chi ha effettuato un acquisto online. Si può richiedere una consulenza, per capire quali sono le vie migliori per procedere.