Home > Archivio News > CBRE: IL FUTURO DELLE VENDITE TRA NEGOZIO FISICO ED E-COMMERCE

News

high_street

CBRE: IL FUTURO DELLE VENDITE TRA NEGOZIO FISICO ED E-COMMERCE

meraville

Presentato il report “The Store E-Volution” sui cambiamenti delle abitudini di acquisto in Italia. La ricerca dà voce ad alcuni retailer che raccontano come la sfida posta dalla tecnologia stia influenzando la loro strategia localizzativa.

Che l'esperienza di acquisto avvenga online o in negozio, in Italia sono 3 i fattori principali che spingono i consumatori: qualità dei prodotti, velocità negli acquisti e contenimento dei costi. Il report “The Store E-Volution” di CBRE, ha l'obiettivo di comprendere le abitudini dei consumatori e il loro rapporto con gli spazi commerciali fisici e virtuali nello shopping di beni non food.

Sebbene molto attivi sui social network - circa il 58% degli italiani attivi su internet - solo il 39% effettua acquisti online, una percentuale inferiore alla media europea del 65% (Fonte: Eurostat). Pesa il gap infrastrutturale del nostro Paese rispetto all’Europa nella digitalizzazione, che la pone al 25esimo posto nella graduatoria europea DESI (Digital Economy and Society Index). La tendenza, tuttavia è in miglioramento: l’Italia è stata inserita nel gruppo di nazioni che stanno recuperando velocemente. Nell’ultimo anno ha mostrato infatti rapidi progressi avvicinandosi alla media dell’UE.

Dall’indagine condotta da CBRE, il 61% degli intervistati continua a preferire l’acquisto in negozio: poter toccare, provare e vedere il prodotto resta una priorità. Solo il 23% tende a preferire l’acquisto online e il 10% lo sceglie come unica modalità di acquisto. Tra i fattori a favore dell’e-commerce, la maggior economicità (60% degli intervistati), l’ampia offerta (53%), la facilità di comparare prezzi e prodotti (52%) e la possibilità di acquistare quando e dove si desidera (51%). Alla domanda su cosa dovrebbe offrire un retailer che ha sia il canale online che quello fisico, la maggior parte degli intervistati, rispettivamente il 51% e il 50%, ha risposto la possibilità di rendere la merce acquistata online in negozio in cambio di un rimborso o di una sostituzione. Ciò fa emergere quello che è il vero problema legato ad un maggiore sviluppo del canale online, e cioè il reso, che per il consumatore significa la sublimazione dell’ esperienza di acquisto online ma per il retailer significa costi maggiori e spesso margini in contrazione. Ecco perché la distribuzione logistica nel futuro sarà sempre più importante nelle strategie dei retailer.

Alla domanda su quali siano i servizi più interessanti che i retailer potrebbero offrire nel futuro, il campione di intervistati ha risposto che il più importante è la consegna a casa delle merce nello stesso giorno dell’acquisto in negozio (42%) seguito da una maggiore integrazione dei servizi online e offline con la possibilità di consegnare il reso direttamente in negozio (36%) e solo per 19% degli intervistati la possibilità di provare nel futuro un prodotto o un servizio attraverso la realtà virtuale risulta interessante.

Da quanto emerso dalle interviste, oggi i retailer stanno rispondendo ai nuovi bisogni dei consumatori integrando nel negozio fisico le caratteristiche del “negozio online”: più flessibilità nel layout e maggiore assortimento di merci che cambia più velocemente, possibilità di scegliere un prodotto in negozio e poi acquistarlo online (showrooming), possibilità di scegliere online e acquistare in negozio (webrooming), introdurre metodi di pagamento digitali, implementare il click and collect ed il click and reserve.

La tecnologia è indicata da quasi tutti gli intervistati come uno strumento utile a favorire l’interazione tra consumatore e negozio; le innovazioni tecnologiche sono sempre più utilizzate per comprendere le abitudini di chi consuma nel negozio (big data) e analizzarle al meglio per favorire sia un maggiore coinvolgimento del consumatore, sia un maggiore volume di vendite. I cambiamenti in atto porranno nuove sfide ai player immobiliari nel futuro.

Per scaricare il report clicca qui.

c
Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)

CBRE Srl
Via Alberto Brasili 91
41122 Modena – Italia
Tel. +39 059 2924811
Fax +39 059 355076
cbre-srl@cbre.com

Uffici Milano:
Via Del Lauro, 5/7
20121 Milano - Italia
tel. +39 02 3037771
fax +39 02 30377730

Uffici Roma:
Via Leonida Bissolati, 76
00187 Roma - Italia
Tel +39 06 45238501
Fax +39 06 45238568

Uffici Torino:
Palazzo Paravia - P.zza Statuto, 18
10122 Torino - Italia
Tel +39 011 2272901
Fax +39 011 2272905

Sede Legale Modena
R.E.A. MO 369371
Reg. Impr. Mo
C.F./P.I. 03225010366
Cap.Soc. 100.000€ i.v.
PEC cbre.mo.accounting@legalmail.it

 

Società soggetta all’attività
di direzione e coordinamento
da parte della Società
CBRE Ltd.

> Site info
> Site map

> Privacy policy
> Nota legale

 

Consiglio Nazionale dei Centri Commercialiicsc